Il vino
 
"un sorso dal passato con lo sguardo verso il futuro", è questa in dieci parole la nostra filosofia, raccontare il nostro territorio attraverso il recupero di antichi cloni, indissolubilmente legati alla tradizione vitivinicola toscana, nello specifico della zona di Bolgheri.

Valénte e Dinostro sono il concreto risultato del nostro progetto di ritorno alle origini.

Le uve, coltivate solo con metodi naturali, sono seguite con cura meticolosa durante tutte le fasi vegetative, con particolare attenzione al periodo di maturazione e vengono vinificate nella cantina aziendale con l'uso di lieviti indigeni.

Dinostro è un Sangiovese in purezza, mentre Valénte è l'espressione della storia dei vitigni toscani: 70% Sangiovese e un 30% suddiviso tra Ciliegiolo Foglia Tonda e Pugnitello varietà ormai scomparse dal patrimonio vitivinicolo locale.

Entrambi sono affinati per un periodo di circa un anno in botti da 20 ettolitri.

Dare vitalità  ad un vigneto di quarant'anni di storia era il sogno e il nostro attuale progetto, i nostri vigneti sono la tangibile testimonianza di una radicata tradizione, le varietà  suddette sono oggi al centro di un'operazione di recupero in grado di trasmettere il loro potenziale qualitativo.

Storia, tradizione e natura di un "terroir" unico si racchiudono nei valori del Podere Il Castellaccio.

 
 
© 2018 Azienda Agricola Podere il Castellaccio